EffettoB

Come

Terziarizzare la lavorazione di prodotti e servizi

La terziarizzazione non è più il futuro del mondo post-industriale: da decenni è una dominante.

La nostra esperienza lavorativa comune è che quando ci troviamo di fronte a organizzazioni di una certa dimensione, queste non possono più corrispondere al modello di aziende verticalizzate, che fanno tutto in casa propria, dalla progettazione alla vendita dei prodotti. Anche se i terzisti, ossia quelli che producono prodotti e servizi per conto di altri, sono poco conosciuti, oggi il mondo del business privato (ma anche pubblico), si basa sempre più su questa forma d’indirizzo organizzativo. E’ il motivo per cui abbiamo pensato di proporre alle aziende di utilizzare questa forma di collaborazione.

Appena abbiamo iniziato a frequentare il mondo delle carceri ci siamo resi conto che esiste un solido ed efficiente tessuto di organizzazioni che operano all’interno delle mura degli istituti di pena. Il nostro obiettivo è identificare tra queste realtà quelle in grado di operare con gli stessi standard qualitativi richiesti dal mercato, e metterle in contatto con aziende disponibili a trasferire loro parti dei propri processi produttivi.

Quali sono i vantaggi che un terzista offre a un’organizzazione che gli affida parte delle proprie attività produttive? Il più importante è quello della flessibilità: l’organizzazione che utilizza terzisti li impiega quando serve, cioè quando ha forti carichi di lavoro, altrimenti il rapporto s’interrompe e chi terziarizza non deve mantenere una forza lavoro inattiva per mancanza di attività.

Un altro vantaggio non trascurabile è il costo del terzista, generalmente molto competitivo, naturalmente nel rispetto dei livelli di qualità richiesti dai clienti. Con EffettoB abbiamo identificato tutta una serie di attività legate alla produzione fisica di beni o servizi facilmente terziarizzabili.

 

Technology transfer

La capacità di trasferire al partner le competenze tecniche e la filosofia operativa hanno un’importanza centrale per il successo della terziarizzazione.

Una volta che un’organizzazione ha deciso di iniziare un progetto di terziarizzazione, una delle fasi più delicate è il lancio dell’attività produttiva. Da parte di entrambi gli attori serve una buona conoscenza dei processi produttivi e un notevole sforzo per trasferire lavorazioni in sedi fisicamente esterne all’organizzazione che terziarizza. Per questa ragione abbiamo coinvolto una serie di persone altamente qualificate che si sono rese disponibili ad aiutare EffettoB a soddisfare le aspettative di efficacia ed efficienza normalmente attese da parte di un terzista.

 

Le condizioni economiche

EffettoB è un’organizzazione no-profit. I proventi della sua attività servono per pagare i lavoratori e per sviluppare il business: i soci prestano lavoro su base volontaria e gratuita.

Uno dei cardini su cui poggia il progetto di EffettoB è che la propria attività di intermediazione tra aziende che scelgono di terziarizzare e operatori all’interno delle carceri, serva solo a coprire i costi vivi.

L’obiettivo più importante per EffettoB è generare opportunità lavorative e professionalizzanti per i carcerati.

Tutti i professionisti esterni che hanno creato e gestiscono EffettoB lo fanno puramente su base volontaria e gratuita. Anche per questa ragione è stato scelto di creare, come strumento giuridico, una Srl e non una cooperativa. La contabilità di EffettoB sarà trasparente, al fine di garantire il rispetto di questo importante aspetto.